Vai alla pagina inziale
Vai alla pagina inziale
    ---
   
-----
  • ---
    »---
    ---
    ---
    ---
    ---

    ---

    Link

      ---

    Versione stampabile Versione stampabile   Invia pagina ad un amico Invia pagina


    //////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

    Nota IMPORTANTE: Alcuni dei presenti comunicati o file sono stati inseriti in questa sede SOLO per comodità dell'utente e NON HANNO alcun valore ufficiale. Pertanto NON SI ASSUME ALCUNA RESPONSABILITA' su eventuali errori o imprecisioni, su fatti, date, luoghi, nomi e qualsivoglia elemento facente parte dei file o della presente pagina web. Per i comunicati ufficiali si prega di FARE ESCLUSIVO RIFERIMENTO al sito istituzionale del Comune di Erice www.comune-erice.it .

    //////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////


    //////////////////////////
    Città di Erice

    Il Sindaco

    Operazione «pizzo al pomodoro»
    LA COMUNITA’ ERICINA DI SAN GIULIANO RINGRAZIA

    Compiacimento e gratitudine, anche a nome dell’onesta comunità di San Giuliano e dell’intera Città di Erice, manifesto all’indirizzo della Procura della Repubblica e della Magistratura trapanese, al Sig. Questore di Trapani, al Capo della Mobile e alle Donne e agli Uomini impegnati nell’odierna operazione denominata «pizzo al pomodoro».     L’attività estortiva posta in essere in danno di operatori comerciali della città di Erice e della vicina Trapani, il reinvestimento dell’illecita attività lucrativa in ulteriori criminosi intenti, quali quelli correlati allo spaccio di mortali sostanze stupefacenti, sottolinenano il preoccupante “livello” criminoso dell’agire della sgominata banda. Non poca preoccupazione desta, al pari, l’impiego di “picciriddi”, minori – anche armati di coltello - facilmente reclutati per eseguire ritorsioni e danneggiamenti in danno di attività comerciali o in accompagnamento degli indagati.
    Ovviamente, ben oltre l’esito della corrente operazione, e di altre profuse nel passato anche recente, così come rassegnato e in più occasioni anche alla sensibile evidenza del Prefetto e del Questore, necessita il massimo dello sforzo sinergico di tutte le Forze dell’Ordine per garantire visibili e percepibili quotidiane condizioni di sicurezza all’inerme comunità di San Giuliano, al pari preoccupata da atti e misfatti giornalieri che, seppur riconducibili all’operare della micro-criminalità, provocano effetti devastanti nella serena vita degli abitanti, ingenerando, di converso, sfiducia e il venir meno della collaborativa attività nei confronti delle Istituzioni locali e non solo.
    E però, così come ho avuto modo di sottolineare in occasione dell’odierno Congresso del SIULP (Sindacato dei Lavoratori di Polizia), il riscatto delle comunità ove più facilmente albergano, anche “culturalmente”, le condizioni che favoriscono il maturare e la crescita di fenomeni diversi di devianza criminale, non può solamente essere demandato alle attività di repressione, a maggior ragione in una stagione che registra gravi e insensati lineari tagli al Sistema Sicurezza e alle Forze di Polizia, esposte e su più fronti, in questa nostra particolarissima provincia di frontiera.  
    Indubbiamente, fra le misure che più efficacemente possono contribuire a creare la condizione di svolta per la fuoriuscita da una condizione di degrado sociale, in prima istanza va ribadita e sottolineata l’emergenza sviluppo e la correlata occupazione che, indubbiamente rappresentano il primo salvagente sociale. Il rilancio socio-economico, dunque, rimane una priorità politico-strategica anche nell’avversare condizioni di sudditanza culturale e/o di forte emarginazione sociale, terreno fertile per ogni gestazione e/o reclutamento criminale.         Priorità assoluta pertanto, ma gravemente disattesa, paradossalmente, da oltre 2 anni dall’incomprensibile STOP imposto dal Governo Berlusconi-Tremonti, con la mancata emanazione dei decreti attuativi, alla Zona Franca Urbana di San Giuliano – Trentapiedi – San Cusumano, conseguita nel 2009 dalla mia Amministrazione, a valere di un bando-concorso nazionale che, conseguendo il favorevole parere europeo ha visto giuridicamente insediarsi in Italia ben 22 ZFU, di cui 3 in Sicilia (Erice compresa).
    Zona Franca Urbana che sicuramente avrebbe consentito e può ancora diventare la precondizione per un “salvagente” sociale anche in seno alla popolosa comunità di San Giuliano (cui si ricorda sarebbe riservato almeno il 30% delle opportunità lavorative-occupazionali), con positivi effetti in termini di ricaduta socio-economica, ingenerando un felice e virtuoso processo di sviluppo e di crescita socio-economica su tutto l’hinterland ericino-trapanese e provinciale.
    Di certo, accanto al rilancio socio-economico-occupazionale, anche un complessivo miglioramento dei servizi (nell’ambito di una visione di sistema-rete sociale), per cominciare da quelli abitativi (per la stragrande parte di proprietà regionale – IACP), onde assicurare dignità, sicurezza e migliore confort alle numerose famiglie insediate, rappresenta(va) un’altra doverosa strategia d’intervento. E rispetto a questa, diversamente possiamo preannunciare che l’incisiva azione condotta in questi anni nei confronti dell’amministrazione regionale, ha portato i suoi frutti. A breve, unitamente allo IACP e allo stesso Governo regionale, così come anticipato al Prefetto di Trapani, presenteremo il decreto e lo stato dell’arte avviato per conseguire in tempi ragionevolmente brevi l’approntamento di un investimento di 6 milioni di euro a beneficio di opere e lavori di riqualificazione abitativa (ivi comprese opere atte a garantire la sufficienza d’approvvigionamento idrico) e di urbanizzazioni interessanti il quartiere di San Giuliano che, verosimilmente, entro i primi del prossimo anno, potrà contare anche sull’inizio lavori per la riapertura della Scuola Baden Powell e la dislocazione logistico-operativa del Comando della Polizia Municipale di Erice.
    Erice, lì 22 ottobre 2011
    IL SINDACO   Giacomo Tranchida

    /////////////////////////

    COMUNICATO STAMPA del 18 ottobre 2011

    DOMANI AL SEMINARIO VESCOVILE IL CONVEGNO “LA DISLESSIA TRA NEUROSCIENZA E SCUOLA”

    Si svolgerà domani, mercoledì 19 ottobre 2011, con inizio alle ore 16.30 presso l’Auditorium Santa Chiara del Seminario Vescovile in via Cosenza,  il Seminario – Convegno dal titolo “LA DISLESSIA TRA NEUROSCIENZA E SCUOLA”.

    Relazionerà uno dei più illustri esperti in materia, il dr. Giacomo Stella, professore ordinario di Psicologia Clinica presso l’Università di Modena e di Reggio Emilia, Fondatore dell’Associazione Italiana Dislessia.
    I Disturbi Specifici dell’Apprendimento - dislessia,  disortografia, disgrafia, discalculia - rappresentano quelle difficoltà che un alunno, apparentemente in condizioni individuali e ambientali adeguate, dimostra durante la sua esperienza scolastica.
    Il Convegno, proposto dalla Scuola Secondaria di 1° Grado – Alfamediale “A. De Stefano” di Erice, è stato organizzato con il patrocinio del Comune di Erice.
    Secondo le ricerche psico-pedagogiche più recenti – ha dichiarato l’Assessore alla Pubblica Istruzione - la dislessia colpisce il 4% della popolazione scolastica. La recente Legge 170 dell’ottobre 2010 e il relativo decreto attuativo del 20 luglio 2011, sulle nuove norme in materia di Disturbi Specifici d’Apprendimento (D.S.A.) in ambito scolastico assegnano alla scuola un importante ruolo nell’identificazione precoce dei segnali predittivi dei disturbi di apprendimento e nella progettazione e applicazione delle strategie didattiche più adeguate per favorire il successo e l’integrazione scolastica degli studenti.
    Abbiamo accolto con interesse questa iniziativa – ha aggiunto il Sindaco Giacomo Tranchida – di cui si sono fatti promotori alcuni genitori di bambini dislessici per provare a chiarire i termini di un problema estremamente complesso che interessa un numero sempre crescente di famiglie.

    ///////////////////////////

    COMUNICATO STAMPA del 7 OTTOBRE 2011

    ERICE CENTRO STORICO

    CERIMONIA DI SCOPERTURA TARGA DELLA PIAZZETTA INTITOLATA A BENEDETTO SALUTO

    Nel pomeriggio di Sabato 8 ottobre sarà ricordato ad Erice Benedetto Saluto, che, giovanissimo, perse la vita proprio venti anni fa per un incidente stradale e che, con il gesto della donazione degli organi, ha ridato la speranza a tante altre vite.

    A Benedetto, che aveva dedicato il proprio impegno alla difesa della natura e dell'ambiente, il Comune di Erice ha intitolato una piazzetta lungo il Viale che porta al Balio la cui targa sarà scoperta alle ore 19:00 di sabato alla presenza del Sindaco, del Vescovo, dei rappresentanti dell'AIDO e dei familiari.
    La cerimonia sarà preceduta, alle ore 18:00, da una messa che sarà officiata da Mons. Micciché presso la Chiesa Madrice di Erice.
    Le iniziative sono state curate dall'Amministrazione Comunale e dall'Associazione Donatori di Organi.

    //////////////////////////

    COMUNICATO STAMPA del 4 OTTOBRE 2011

    PROGETTO DI RESTAURO DELLA STATUA IN LEGNO RAFFIGURANTE SAN CRISTOFORO COLLOCATA NELL'EDICOLA A LATO DI PORTA TRAPANI AD ERICE

    E' stato avviato dall'Amministrazione Comunale, di concerto con la Fondazione Erice Arte, il progetto di restauro della statua in legno collocata nell'edicola a lato di Porta Trapani ad Erice.
    La statua, che raffigura San Cristoforo ed è particolarmente cara alla comunità ericina, versava in pessimo stato di conservazione presentando diverse fratture longitudinali e la perdita della pellicola pittorica che la ricopriva.
    Le operazioni di pulitura e restauro, autorizzate dallo locale Soprintendenza, sono in pieno svolgimento con la formula del cantiere aperto. La restauratrice Eleonora Bologna Provinciali, infatti, svolge il proprio intervento presso i locali del Polo Umanistico di Erice dove è stata trasportata la statua.
    Nel frattempo, con un pregevole intervento che ha consentito di metterne in luce la suggestiva cornice di tufo, è stata ripulita e dotata di una chiusura a vetro la nicchia dove presto tornerà ad essere collocata la statuetta.
    Soddisfatta dell'intervento si è detta l'Assessore alla Cultura e Vice Sindaco di Erice che ha seguito i passaggi amministrativi dell'iniziativa, in collaborazione con il Direttore del Museo e della Biblioteca.

    //////////////////////////

    COMUNICATO STAMPA del 4 OTTOBRE  2011

    NUOVO LOOK PER L’IMPIANTO SPORTIVO DI VILLA MOKARTA

    Presentato ieri mattina a Palermo all’Assessorato regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo,  a valere del bando regionale pubblico relativo all’offerta sportiva – linea d’intervento 3.3.2.1. – il progetto definitivo commissionato lo scorso luglio dal Sindaco Giacomo Tranchida all’arch. Renato Caliò, munito di parere favorevole del CONI del 14.09.2011, per il COMPLETAMENTO E LA RIQUALIFICAZIONE DELL’IMPIANTO SPORTIVO DI VILLA MOKARTA – ERICE.

    “Dopo aver sistemato e mezzo a pieno regime il PalaCardella e la Palestra di San Giuliano, in corso d’appalto il Bocciodromo di Napola, co-finanziato la realizzazione di campi di calcetto parrocchiali a Ballata, Napola, Pizzolungo e Trentapiedi, oltre che realizzato il nuovo campo di calcetto a San Giuliano, ci siamo dotati dell’innovativo progetto che candidiamo con ottime possibilità di riuscita a finanziamento regionale per la riqualificazione dell’impianto sportivo di Villa Mokarta. – dichiara il Sindaco Tranchida – Contiamo a breve di definire altri due mini interventi per impiantistica sportiva: un campo di calcetto a Pegno, dove in economia abbiamo iniziato i lavori e in adiacenza alla Scuola Pagoto”

    //////////////////////////

    COMUNICATO STAMPA del 03/10/2011

    INIZIATA L’ATTIVITA’ DIDATTICA DELLA SEZIONE PRIMAVERA ED IL SERVIZIO MENSA NELLE SCUOLE MATERNE

    E’ iniziata, stamattina, l’attività didattica per i 15 bambini della sezione Primavera dell’asilo di via Cosenza. Si tratta di una opportunità formativa da intendersi come servizio sperimentale socio-educativo integrativo aggregato alle attuali strutture delle scuole comunali dell’infanzia che consentirà ai bambini, in età dai 24 ai 36 mesi, di frequentare la scuola, fino al 17 ottobre dalle 8.00 alle 13.00 e successivamente a partire dal 17 ottobre, con l'attivazione del servizio mensa, dalle 8.00 alle 16.00. Di seguito le caratteristiche principali del servizio:
    Dove: presso i locali dell’Asilo di via Cosenza, ad Erice Casa Santa;
    Calendario: Inizio attività 03 ottobre 2011 fino al 30 giugno 2012; 
    Orari di funzionamento: dalle ore 8.00 alle 13.00 (dal 3 al 16 ottobre 2011); dalle ore 8.00 alle 16.00 (dal 17 ottobre 2011 con l’introduzione del servizio mensa);
    Requisiti di accesso: Bambini che in corrispondenza dell’anno scolastico 2011/12 abbiano un’età compresa tra i 24 ed i 36 mesi le cui famiglie risiedano o prestino attività lavorativa stabile nel Comune di Erice.
    Attivo, sempre da oggi, il servizio di refezione scolastica nelle 8 sezioni di scuola materna statale del I° circolo didattico di Erice (Giovanni Pascoli) e degli Istituti comprensivi G. Pagoto e G. Castronovo.
    Siamo contenti – ha dichiarato l’Assessore alla Pubblica Istruzione – di rispondere alle esigenze delle famiglie che anche quest’anno hanno scelto di usufruire dei servizi offerti dal Comune di Erice. L’attivazione della sezione Primavera quest’anno coincide con l’attivazione del servizio mensa nelle scuole materne, entrambi servizi introdotti negli anni passati che intendiamo ulteriormente potenziare nel futuro.
    Sono ulteriori tasselli che aggiungiamo al fine di agevolare le famiglie del territorio  - aggiunge il Sindaco Giacomo Tranchida - per contribuire al miglioramento della qualità di vita garantendo, al tempo stesso, ai piccoli alunni l’opportunità di crescere in ambienti sani ed ospitali.

    //////////////////////////

    Pagina vista : 927 volte.
     
    Cerca
    ---
    ---
    ---
    ---

    ---

     

       
      Graphic Themes by E-Motion  
    GiacomoTranchida.it ©2007- Graphic Themes by E-Motion
    powered by JAF CMS 4.0 Final