Vai alla pagina inziale
Vai alla pagina inziale
    ---
   
-----
  • ---
    »---
    ---
    ---
    ---
    ---

    ---

    Link

      ---

    Versione stampabile Versione stampabile   Invia pagina ad un amico Invia pagina


    //////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

    Nota IMPORTANTE: Alcuni dei presenti comunicati o file sono stati inseriti in questa sede SOLO per comodità dell'utente e NON HANNO alcun valore ufficiale. Pertanto NON SI ASSUME ALCUNA RESPONSABILITA' su eventuali errori o imprecisioni, su fatti, date, luoghi, nomi e qualsivoglia elemento facente parte dei file o della presente pagina web. Per i comunicati ufficiali si prega di FARE ESCLUSIVO RIFERIMENTO al sito istituzionale del Comune di Erice www.comune-erice.it .

    //////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////


    //////////////////////////
    //////////////////////////
    CITTÀ di ERICE
    Il Sindaco

    RACCOMANDATA A/R
                               Al Sig. Assessore dei beni culturali e dell'identità siciliana
                               Al Sig. Dirigente Generale del Dipartimento regionale dei beni culturali e dell'identità siciliana
                               Al Sig. Dirigente Generale del Dipartimento regionale di Protezione Civile regionale
                       e, p.c. Al Sig. Prefetto di Trapani
                             “ Al Sig. Soprintendente ai BB CC AA di Trapani
                             “ Al Sig. Resp.le del Servizio di Protezione Civile regionale di Trapani
                       e, p.c. Alla Stazione CC di Erice
                             “ Al Comando della PM di Erice
                             “ al Servizio di P.C. comunale di Erice

    Gentili Signori,
    mi rivolgo a Voi, nell’ambito delle rispettive competenze, per rassegnare la grave condizione di staticità e di conseguente pericolo per l’incolumità pubblica conseguente all’aggravarsi dell’ammaloramento interessante le millenarie Mura Puniche ericine.
    Da molto tempo, avendo a cuore la mia città e tutto quanto la identifica e la fa unica nel mondo intero, ho cercato di trovare una soluzione che mi permettesse di porre rimedio al degrado di diverse porzioni della cinta muraria del nucleo più antico della mia città costruito dai Punici 2700 anni or sono come confermato, oltre che dagli studi e scavi condotti dal dr. Sebastiano Tusa anni fa, anche in conseguenza dei recentissimi studi fatti in loco con campagna di scavi dall’Università di Berlino.
    Già nel 2006 l’A.C. aveva incaricato un tecnico di predisporre un progetto dei lavori occorrenti per preservare il bene monumentale con restauri mirati al superamento delle criticità emerse nel tempo; detto progetto non ebbe seguito e pertanto la mia Amministrazione (insediatasi nel 2007), di già nel 2009 tornava alla carica predisponendo un apposito studio geologico che venne fornito alla Soprintendenza di Trapani in modo tale da redigere un progetto più aggiornato sullo stato della cinta muraria che, però nostro malgrado, andava evolvendosi con aggravamento degli equilibri dei conci a causa delle aperture di vere e proprie fenditure che fanno venire a mancare il cosiddetto “mutuo soccorso” fra i conci tipico di questo genere di muratura. Mi risulta che detto progetto, peraltro, proprio dalla locale Soprintendenza ai BB.CC.AA. è stato candidato a finanziamento presso l’Assessorato regionale BB.CC.AA. da un paio di anni.
    Senza volermi addentrare in disquisizioni tecniche non di mia competenza voglio solo ribadire che la situazione attuale è tale che non mi fa dormire sonni tranquilli al solo pensiero di quello che può accadere. Si può pensare di perdere un siffatto bene culturale così rappresentativo dell’antica identità siciliana e mediterranea? E come posso stare sereno di fronte alla possibilità che anche un solo concio cadendo possa creare insanabile nocumento ai fruitori che numerosi vengono ogni giorni da tutte le parti della terra?
    Pochi giorni fa ho chiesto agli Enti interessati (principalmente Soprintendenza e Protezione Civile) di verificare lo stato della cinta muraria ed i risultati (cfr. copia del verbale del 27/09/2011 allegato) mi inducono a chiedere con forza il vostro urgente intervento tramite il finanziamento del progetto esecutivo predisposto dalla Soprintendenza di Trapani già sottoposto alla Vs. attenzione.
    Tra l’altro detto finanziamento, mi segnalano dai miei uffici, potrebbe avvenire anche tramite inserimento nell’Asse Prioritario III del Programma Operativo FESR 2007/2013 dove tale opera si inquadra perfettamente. Al riguardo, vorrei sottolineare e cioè che il progetto in questione, ancorché non molto oneroso, riveste un carattere prioritario a causa dell’evoluzione in corso delle zone in cui le lesioni hanno raggiunto limiti e soglie di pericolosità molto alta.
    E comunque, non è possibile che, in subordine, anche con interventi più limitati non si possano quanto meno mettere in sicurezza e “salvare” le parti oltremodo pericolanti e che sicuramente rovineranno definitivamente in occasione dell’imminente stagione delle piogge. Ovviamente anche per tali interventi si paventano centinaia di migliaia di euro di spesa che, oggettivamente, risultano indisponibili in capo a questo Comune.
    Attendendo fiducioso un cortese urgente riscontro porgo cordiali saluti.
    Il Sindaco
    Giacomo Tranchida
    //////////////////////////

    COMUNICATO STAMPA del 26 SETTEMBRE 2011

    SPORTELLO INFORMATIVO POLIFUNZIONALE
     
    Da questa mattina parte in via sperimentale un  servizio di informazione ed assistenza al cittadino inerente l’area dei Servizi Sociali, Tributi e Pubblica Istruzione, coordinato dal Responsabile del Settore Affari Generali del Comune di Erice.
    Il Servizio è diretto ai cittadini del Centro storico e delle frazioni di Ballata, Napola e Rigaletta-Milo, allo scopo di facilitare il rapporto con l’Ente.
    Lo sportello vuole  rappresentare un punto di riferimento per l’utenza e nel contempo un osservatorio a disposizione dell’Ente per la valutazione dei servizi erogati in ragione dei bisogni degli utenti. Per il tramite dello stesso, verrà inoltre effettuato un servizio di promozione ed attuazione di iniziative di comunicazione e informazione di pubblica utilità per assicurare la conoscenza dei servizi e delle strutture.
    Per maggiori informazioni vedi Comune di Erice.
    //////////////////////////

    COMUNICATO STAMPA del 29/09/2011

    ENTRO IL 12 NOVEMBRE LE ISTANZE PER IL CONTRIBUTO AGGIUNTIVO DEL 30% SUL VALORE DEI BUONI LIBRO

    E' possibile presentare direttamente all’Ufficio Pubblica Istruzione del Comune di Erice l’istanza per richiedere il contributo aggiuntivo del 30% (nella misura di € 18,59 per le prime classi ed € 12,40 per le seconde e terze classi) sul valore del buono-libro ai sensi dell’art. 10 L.R. n. 14/02.
    Possono presentare istanza le famiglie la cui attestazione ISEE, riferita all’anno 2010, non superi € 14.177,25.
    Il beneficio del contributo è riservato agli alunni che frequentano la Scuola Secondaria di Primo Grado (scuola media inferiore).
    La domanda di ammissione al beneficio dovrà essere presentata da uno dei genitori o da chi esercita la potestà sul minore utilizzando l’apposito modulo disponibile presso l’ufficio Pubblica Istruzione del Comune di Ericeentro e non oltre il 12 novembre 2011.

    //////////////////////////

    C I T T À  D I  E R I C E
    PROVINCIA DI TRAPANI
    ____________

    COMUNICATO STAMPA del 21 SETTEMBRE 2011

    “SOSPESA TRA CIELO E TERRA ERICE E’ TEMPIO INCORROTTO DI ETA’ PIETRIFICATE”
    omaggio a Erice di Dino D’Erice
          
    Per sette legislature deputato al Parlamento siciliano e per 15 anni Sindaco del Comune di Custonaci (TP), la presentazione immediata ed insieme una parte fondamentale della vita e della storia dell’On. Dino Grammatico, protagonistica della vita politica siciliana del secondo novecento.
    Protagonista indiscusso di una fase della politica siciliana che è diventata storia, il Milazzismo, studiato, discusso e interpretato da uomini quali Francesco Renda, Giuseppe Giarrizzo, Massimo Ganci, Orazio Cancila, movimento di cui si sono occupate tutte le testate europee.
    Una fase politica che vede alla guida della Regione Siciliana Silvio Milazzo  a partire dal 30 ottobre 1958 e che “in nome dei superiori interessi dei siciliani” come dissero Dino Grammatico (capogruppo all’ARS del MSI) e Emanuele Macaluso (Segr. Reg. del PCI), esponenti del MSI, PCI, del Partito Monarchico, del PSI e di alcune frange della DC.
    “Operazione Milazzo” che durò appena 16 mesi e che appunto vide protagonista soprattutto nel primo dei tre governi che si succedettero Dino Grammatico, nella qualità di Assessore regionale all’Agricoltura e Ludovico Corrao, Assessore regionale ai LL.PP., due uomini lontanissimi nelle ideologia partitica, ma accomunati dal desiderio, al di là di steccati e barriere ideologiche, di dare un personale contributo nel rendere migliore la Sicilia di quegli anni.
    A questo proposito, alcuni scorci di una intervista nel 1995 da Ludovico Corrao: “fu il più esaltante dello spiegamento di energie e potenzialità dell’Autonomia Siciliana, del suo diritto di libertà e di progresso… una sfida allo Stato accentratore, allo strapotere delle grandi forze capitalistiche detentrici del diritto di sfruttamento delle risorse economiche e civili della Sicilia…”
    Dino Grammatico definì questa fase politica e sociale come la rivolta siciliana, e non a caso pubblica per Sellerio nel 1996 un testo dal titolo “La rivolta siciliana del 1958. Il primo governo Milazzo”.
    Quest’anno, nell’ambito del progetto culturale “Erice, Cortili in Poesia” avanzato dall’Ass.ne “Salvare Erice” unitamente all’Amministrazione della Città di Erice guidata dal Sindaco Giacomo Tranchida, e inserito nel programma delle attività “Venere d’Argento 2011”, finanziato dall’Ass.to reg.le al Turismo, è stato reso omaggio alle opere prodotte da Dino Grammatico (1924-2007), in poesia noto con lo pseudonimo di Dino D’Erice, nato a Erice, laureato in lettere e filosofia e professore negli Istituti Superiori.
    Giornalista pubblicista è stato Presidente dell’Isspe (Istituto siciliano di studi politici ed economici), della Fondazione culturale “La Roccia”, della Fondazione “Lauro Chiazzese”, Socio Fondatore e Vice Presidente della Associazione “Salvare Erice”. Dino D’Erice ha ricevuto numerosi riconoscimenti letterari e fra questi il Premio Cultura “Città di Venezia”, il premio nazionale “Renato Serra”, l’ultimo dei quali il “Fiorino d’oro” al XXIV Premio Firenze di Poesia per la raccolta “Io grido luce” nel 2006.
    L’amore e il grande affetto di Dino D’Erice, per la sua / nostra Erice viene espresso attraverso  “Erice” (1984), è proprio questa la frase “SOSPESA TRA CIELO E TERRA ERICE E’ TEMPIO INCORROTTO DI ETA’ PIETRIFICATE” scelta dall’Amministrazione Tranchida e collocata da ieri pomeriggio, all’ingresso dei Giardini del Balio, apparendo essere l’immagine “perfetta” che, scritta da uno dei suoi figli, traduce Erice in parole, lascia e lascerà a turisti occasionali, agli ericini residenti, villeggianti e ospiti italiani e stranieri un ricordo indelebile e indimenticabile.

    //////////////////////////

    Città di Erice per la Scuola che Vogliamo    
    Cari Ragazzi, Genitori, Dirigenti, Personale Docente e non delle Scuole ericine  
    Desideriamo innanzitutto esprimervi l’augurio più sincero per un anno scolastico sereno, ricco di curiosità e pieno di entusiasmo, di impegno e di comune volontà nel collaborare tutti insieme in questo nuovo viaggio formativo.                                         
    In controtendenza all’attuale situazione in cui versa la Scuola italiana - contrassegnata dall’ennesima serie desolante di tagli epocali contenuti nel susseguirsi delle manovre finanziarie – diversamente garantiamo il rinnovarsi del nostro impegno nel prestare la massima attenzione e la dovuta sensibilità per le politiche scolastiche. Non è un caso che nonostante le difficoltà economiche abbiamo comunque voluto iniziare il nuovo anno scolastico con alcune importanti novità: gli studenti ericini avranno a disposizione ben 3 nuovi scuolabus che, assieme a quello acquistato 2 anni or sono, dopo decenni rendono finalmente più sicuro e più comodo il servizio di trasporto; il servizio mensa, che gradualmente abbiamo introdotto dal 2008 nelle scuole dell’infanzia Pascoli, Pagoto e Castronovo, sarà ulteriormente potenziato con la possibilità di aumentare il numero dei bambini che ne potranno usufruire. E poi, risparmiando a destra e manca abbiamo comprato nuovi banchi, nuove sedie e nuovi arredi scolastici.
    Numerosi in questi anni gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria per garantire la funzionalità degli edifici scolastici, adeguando gli impianti per renderli più sicuri e dunque tutelando la qualità della vita di chi in esse studia e lavora. E se vi chiediamo scusa sin da adesso se in corso d’anno seguiranno anche altri lavori (adeguamento impianti Scuola Mazzini.. ecc), con grande gioia vi informiamo che sono in corso d’appalto i lavori per rendere finalmente funzionale e riaprire dopo decenni la Scuola Baden Powell di San Giuliano, così come andranno in appalto i lavori … per la Scuola De Stefano, consentendoci dunque, di recuperare decenni sul tempo perduto e di puntare i nostri sforzi per il completamento della Scuola “Gemellini Asta”.  Certo, in diverse Scuole del territorio ci sono ancora altre piccole e/o grandi cose da fare. Sono alla nostra attenzione e, individuate le risorse cercheremo di porvi rimedio.            
    La “Scuola Ericina che vogliamo” comincia finalmente a sbocciare e rinascere grazie anche al nuovo clima di confronto e di collaborazione con tutti voi, per davvero significando un solido punto di partenza per il rilancio e la crescita socio-culturale e la formazione civica della comunità ericina.
    Abbiamo fatto una scelta, tagliandoci anche l’indennità di Sindaco e Assessori proprio a beneficio dei progetti di formazione civica nelle Scuole ericine perché, per noi, oggi investire nelle Scuole significa investire per il futuro dei nostri giovani, a cui è affidato un compito ancora più difficile del nostro: porre rimedio ai nostri errori e migliorare la crescita civile e democratica della nostra comunità e della società civile più in generale.
    A tutti voi, a tutti noi … buon studio e buon lavoro!
     
    L’Assessore alla Pubblica Istruzione      IL SINDACO
               D. T.            Giacomo Tranchida 
    //////////////////////////

    COMUNICATO STAMPA del 15 SETTEMBRE  2011

    MUSICAL “LA BELLA E LA BESTIA” AI CAMPI DA TENNIS - ERICE

    Si terrà questa sera , giovedì 15 settembre alle ore 21:00 ai Campi di Tennis in Erice, Viale delle Pinete, nell’ambito del programma BIG DREAMS … ”Omaggio di Pace al Mediterraneo”, il Musical “La bella e la bestia”.
    L’evento organizzato  dall’Istituto Comprensivo “G. Falcone” di Erice,  è reso possibile grazie al patrocinio dell’Assessorato Pubblica Istruzione del Comune di Erice  e della Fondazione ERICE ARTE.

    //////////////////////////

    DICHIARAZIONE STAMPA DEL SINDACO GIACOMO TRANCHIDA DEL 15 SETTEMBRE 2011

    CONTRO IL GOVERNO DEI BUGIARDI E DEGLI IMBROGLIONI

    Le false promesse del Governo nazionale assieme alle bugie sulla diminuzione delle tasse ai cittadini celate dietro i tagli ai trasferimenti per i Comuni, costringendo questi ultimi ad aumentarle;
    * Il massacro della scuola pubblica che nega di fatto il diritto alla primaria istruzione;
    * Lo strabismo con le scelte di sostegno all’economia del nord del Paese (finanche pagando le multe per le quote latte) a danno e con gravissimi tagli ai Fondi Aree Svantaggiate del sud e della Sicilia in particolare;
    * Il blocco, con il patto di stabilità, delle risorse dei Comuni indispensabili per favorire locali cantieri di lavoro e realizzazione di nuove opere e servizi;
    * La “pinocchia” vicenda relativa alla Zona Franca Urbana di Erice (vedi contratto allegato) e di altre città del Mezzogiorno e dell’Italia;
    * L’evidente accanimento politico parlamentare e legislativo per difendere i propri interessi e la propria immunità rispetto all’interesse generale e ad una giustizia uguale ed equa per tutti.
    Queste e molte altre ancora le ragioni per le quali questo governo di bugiardi e imbroglioni deve andare a casa.
    Ogni giorno di ritardo è un danno in più per il Paese, la Sicilia, la nostra Provincia e per la città di Erice.

    //////////////////////////

    COMUNICATO STAMPA del 12 SETTEMBRE 2011

    CONCERTO INAUGURALE DELL’ORCHESTRA ERI.MUS. ERICE, CHIESA DI S. GIOVANNI

    Si terrà questa sera, presso la chiesa di San Giovanni in Erice centro storico, alle ore 21:15 il concerto inaugurale dell'orchestra da camera ERI.MUS.

    L’Associazione ERI.MUS è nata il  20 luglio 2011 per iniziativa del suo presidente e direttore d’orchestra  Maurizio Ruisi.
    L’orchestra si esibirà con un programma intitolato “Musiche da film”, si tratterà di una sequenza di brani, di  diversi autori, tratti dai più celebri film,  tra i più famosi autori  Ennio Morricone  per la composizione di numerose colonne sonore cinematografiche.
    Il gruppo è formato da 3 violini (Mario Vultaggio, Francesca Trombino,Gaspare Gucciardi), viola (Maria Trombino), violoncello (Giovanna Piacentino), flauto (Beatrice Landolina) e Soprano (Sara Di Bella)  il tutto sotto la direzione orchestrale e arrangiamenti del maestro Maurizio Ruisi.
    L’iniziativa è resa possibile grazie alla collaborazione con il Comune di Erice e la Fondazione Erice Arte con la quale saranno organizzati altri 5 concerti, i primi due già concordati per il periodo Natalizio e Pasquale.
    “L’Amministrazione comunale insieme alla Fondazione Erice Arte – dichiara il Sindaco Tranchida – intendono sostenere e promuovere le iniziative della nuova nata Orchestra da camera ERI.MUS, così come è avvenuto per le iniziative artistico-musicali  del gruppo  “Ottoni Animati” e dell’artista “Jaka”, allo scopo di propagandare il talento degli artisti locali”.

    //////////////////////////
    COMUNICATO STAMPA del 9 SETTEMBRE  2011
     
    INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL COSTONE ROCCIOSO PROSPICIENTE IL CORTILE ADRAGNA, ERICE

    Si è tenuta stamani presso il C.le Adragna, nei pressi della via Argenteria, la conferenza stampa, nel corso della quale sono stati  illustrati i lavori di messa in sicurezza del costone roccioso di pizzo Argenteria, prospiciente il cortile Adragna. 
    Da oltre 40 anni, nel tempo ripetutamente, si sono registrati diversi crolli in parete di materiali rocciosi in danno delle sottostanti abitazioni, senza che fossero stati mai adottati interventi di messa in sicurezza definitivi. In ultimo due anni fa, come si ricorderà, causa scatenante il maltempo, il cedimento di alcuni massi dalla suddetta parete ha costretto quattro famiglie ad abbandonare le proprie abitazioni.
    Allora immediati sono stati gli interventi di bonifica e messa in sicurezza dell’area, in quell’occasione l’Ing. Giovanni Indelicato dirigente del Dipartimento Regionale della Protezione Civile d’intesa con il Sindaco Giacomo Tranchida, ha preannunciato oltre al ciclico monitoraggio della zona a forte rischio frane, anche la periodica manutenzione, al fine di scongiurare nuovi crolli.
    Oggi, si rende noto che sono già in corso di esecuzione gli interventi di messa in sicurezza del costone roccioso di pizzo Argenteria, il tempo previsto per l’esecuzione degli stessi è di 75 giorni.
    I lavori appaltati dalla Regione Siciliana - Dipartimento  della Protezione Civile per un importo dei lavori di € 113.690,09, compresi gli oneri per la sicurezza ed al netto del ribasso offerto pari al 20,0123%, sono stati aggiudicati all’Impresa 2G Costruzioni s.r.l. con sede in C/da Mosè Cimento in Agrigento.
    Responsabile Unico del Procedimento è l’Ing. Giovanni Indelicato dirigente del Servizio S14per la provincia di Trapani del Dipartimento Regionale della Protezione Civile;
    Progettista e Direttore dei Lavori è Ing. Vincenzo Loria dirigente dell’U.O.  S14.01 del Servizio per la provincia di Trapani del Dipartimento regionale della Protezione Civile;
    Per lo studio Geologico-tecnico il Geol. Giuseppe Baiata
    Collaboratori alla Progettazione e Direzione Lavori, il Geom. Gaetano Altese e il Geom. Rosario Grammatico entrambi funzionari del Servizio S14per la provincia di Trapani del Dipartimento Regionale della Protezione Civile;

     “Dichiariamo con soddisfazione assieme al Consigliere comunale Valeria Ciaravino – dichiara il Sindaco Tranchida - che finalmente l’intervento di messa in sicurezza, per il quale ci eravamo impegnati, dopo 40 anni di oblio viene realizzato con doppia precauzione: collocazione di rete protettiva e inchiodatura profonda tre metri. Continua il Sindaco Tranchida -  I cittadini possono finalmente dormire sonni tranquilli”.

    //////////////////////////

    Pagina vista : 1098 volte.

     
    Cerca
    ---
    ---
    ---
    ---

    ---

     

       
      Graphic Themes by E-Motion  
    GiacomoTranchida.it ©2007- Graphic Themes by E-Motion
    powered by JAF CMS 4.0 Final